CASA CLIMA

ALTA PROTEZIONE TERMICA E RISPARMIO ENERGETICO

Il legno spicca per la sua bassa conducibilità termica. Lo spessore di una parete in legno in combinazione con pregiati materiali termoisolanti, si riduce in confronto ad altri materiali senza alterare il valore prescritto dalle normative. Quindi il legno come materiale edile non adempie solo a compiti costruttivi, ma in gran parte funge anche da isolamento termico. Oltre a ciò la maggiore temperatura superficiale del legno crea un clima abitativo molto accogliente. Grazie a queste proprietà i provvedimenti per evitare i ponti termici sono nettamente inferiori che nelle costruzioni in muratura. L’accurata attenzione ad ogni particolare insieme alle proprietà isolanti del legno, consentono una costruzione quasi senza ponti termici. Per questa ragione ogni casa in legno che segue questi criteri di attenzione costruttiva, diventa una Casa Clima. Il nostro metodo integrato ci permette di realizzare insieme a te la casa del futuro già oggi. Grazie alla progettazione altamente innovativa, l’attenta ricerca dei materiali e l’accurata selezione dei partner raggiungere gli standard CasaClima o Passivhaus con noi non è mai stato così semplice.

Il nostro metodo integrato ci permette di realizzare insieme a te la casa del futuro già oggi. Grazie alla progettazione altamente innovativa, l’attenta ricerca dei materiali e l’accurata selezione dei partner raggiungere gli standard CasaClima o Passivhaus con noi non è mai stato così semplice.
Ogni casa da noi realizzata ha un ottimo isolamento termico grazie all’utilizzo di materiali naturali, derivati del legno, dalle elevate caratteristiche di coibentazione. Infatti le case realizzate dalla Mazzocchi Strutture in legno prevedono isolamento in fibra di legno che garantisce una elevata riduzione dei costi di riscaldamento, inoltre permette un perfetto isolamento termico dal caldo estivo. In poche e semplici parole, il concetto energetico secondo Mazzocchi strutture in legno si basa sull’elevata coibentazione dell’”involucro abitativo”, formato dalle pareti perimetrali, dai serramenti e dal tetto.

La buona capacità di accumulo del calore e il lungo tempo di raffreddamento della parete in legno massiccio contribuiscono a ridurre i costi del riscaldamento. Ne deriva un comfort chiaramente percepibile in prossimità delle pareti di legno. Quando la temperatura ambiente si abbassa, ad esempio durante la notte, l’elevata capacità di accumulo del calore comporta un certo riscaldamento dell’aria anche nel giorno successivo, e non soltanto di porzioni di parete. Il così detto “sfasamento termico”, vale a dire il tempo in cui 1 m² di parete si raffredda di 1 K, è quattro volte più lunga rispetto alla parete in muratura.
Per effetto della regolazione climatica del legno, le finestre e gli specchi appannati o l’afa opprimente non si verificano. Nello stesso contesto, anche la proprietà del legno di accumulare calore assume un’importanza rilevante. Il legno ha sempre una superficie calda e può mantenere a lungo questa temperatura. La sensazione di calore dell’uomo è composta dall’aria ambiente e dalla temperatura superficiale degli elementi di delimitazione degli ambienti (pareti, soffitti, finestre). Una finestra o un muro di pietra sono sempre percepiti come freddi. A ciò si aggiungono il movimento e l’umidità dell’aria. Quanto più bassa è la temperatura superficiale degli elementi di delimitazione degli ambienti, tanto più calda deve essere l’aria per raggiungere lo stesso livello di comfort.

L’utilizzo di un isolante leggero (lana di vetro o roccia, ma anche fibra di legno a bassa densità), permettere bassi valori di trasmittanza, con ottimo isolamento invernale, ma anche una bassa capacità di frenare l’onda di calore estiva.
Non solo. Una volta entrato il calore nell’abitazione, l’alto isolamento porta addirittura a trattenere il calore, surriscaldando gli ambienti interni
Utilizzare un isolante ad alta densità ha il vantaggio di permettere spessori di muro limitati e ottimi valori di isolamento invernale. Un ottimo prodotto è sicuramente la fibra di legno ad alta densità, sempre più diffuso tra le aziende come materiale naturale ed in grado di isolare ottimamente da caldo e freddo, garantendo peraltro i valori di massa della parete richiesti dalla normativa in vigore.

IL SISTEMA CASA CLIMA

Casa Clima A: il fabbisogno energetico di riscaldamento deve essere uguale o inferiore a 30 kWh/ per anno, ciò corrisponde più o meno ad un consumo di 3 litri di gasolio oppure 3 mc di gas per metro quadrato di superficie netta riscaldata nei piani e per anno.
Casa Clima B= 50 kWh
Categoria termica dell’edificio C: 70 kWh per mq per anno.
Per poter paragonare diversi edifici il fabbisogno energetico per il riscaldamento riferito alla superficie netta della costruzione, viene calcolata oltre con i dati climatici del comune di appartenenza, con i dati climatici del comune di Bolzano: in questo modo è possibile paragonare diversi edifici.
Per gli edifici al di fuori della provincia di Bolzano che desiderino una certificazione CasaClima, il fabbisogno energetico viene convertito ai dati climatici del relativo capoluogo di provincia. Il punto di riferimento per il calcolo del fabbisogno energetico di questi edifici non è quindi Bolzano ma il relativo capoluogo di provincia.